Ghost of Tsushima: La Recensione

[vc_row][vc_column icons_position=”left”][vc_column_text]Recensione Ghost of Tsushima: The Surprise Of The Generation.

Mancano solo pochi mesi al lancio di PlayStation 5, eppure eccoci qui, con Sony che rilascia grandi esclusive negli ultimi mesi del ciclo di vita di PS4. The Last of Us Part 2, nonostante molti concordino sul fatto che si tratti di un gioco fenomenale, è stato un focolaio di dibattito sin dalla sua uscita. Fantasma di Tsushima? È stato un titolo molto, molto meno controverso, apprezzato dalla critica, ma decisamente amato dai fan. Ed è facile capire perché, dato che è un gioco impossibile da non apprezzare per quanto riesce a centrare ogni punto. Sucker Punch è meglio conosciuto per i suoi Infamous Games, una solida serie di uscite di supereroi per PlayStation, anche se nessuno di solito li elencava tra i migliori di Sony in una data generazione. Ma ancora una volta, Sony ha permesso a uno sviluppatore di spiegare le ali e fare qualcosa di molto fuori dal loro solito, e siamo passati da un paesaggio urbano di supereroi a un mondo aperto di samurai, e Sucker Punch ha assolutamente fatto tutto alla perfezione. Il gioco segue le vicende di Jin, il nipote del signore dei samurai di Tsushima, che trova la sua isola natale invasa e decimata da un’orda mongola. Suo zio catturato, la sua armatura distrutta e il suo spirito schiacciato, Jin deve ritrovare la forza per riconquistare l’isola, affidandosi ai pochi guerrieri sopravvissuti al massacro, oltre a trasformarsi in una leggenda mitica che ispira le persone di Tsushima e incute timore nei cuori dei mongoli, “il fantasma”. È impossibile parlare di Ghost of Tsushima senza prima menzionarne la bellezza. Sostengo che Ghost of Tsushima potrebbe essere il gioco più bello mai realizzato, e data la passata generazione di versioni, non è qualcosa che dico alla leggera. Non si tratta solo di fotorealismo. In effetti, ambienti e personaggi in giochi come God of War o The Last of Us sono sicuramente più intensi dal punto di vista grafico. Ma è il design artistico, gli splendidi paesaggi ampi di colori ricchi e vibranti e l’uso della luce solare, del vento e degli effetti meteorologici per rendere praticamente ogni fotogramma del gioco qualcosa di cui vorresti poter scattare una foto. E il gioco ti consente di fare proprio questo, con una delle migliori modalità fotografiche del settore. Raramente ho trovato un gioco in cui rimango costantemente in soggezione di un dato paesaggio, e Tsushima suscita questa sensazione almeno una volta ogni dieci minuti, a seconda di dove ti porta la tua missione. La bellezza si estende tuttavia oltre il mondo e nel combattimento. Sono sorpreso di quanto la Sucker Punch abbia reso divertente il combattimento in Ghost of Tsushima, un sottile equilibrio tra la parata e la schivata di un Nioh o Dark Souls, ma abbastanza impegnativo da essere più di un semplice hack and slash. Un’ampia varietà di set di armature e ciondoli, abbinati a parate e schivate tradizionali, abbinati a speciali armi fantasma, abbinati a posizioni di combattimento mutevoli e mosse speciali, tutto equivale a uno dei sistemi di combattimento più robusti e coinvolgenti che abbia mai visto. Tutto ciò che riguarda il combattimento risulta eccellente. Dalla prima volta in cui compi un’uccisione con un colpo solo, a quando hai perfezionato la tua build barcollante che ti consente di vincere 1 contro 6 in combattimento con facilità. Se c’è una critica che si può fare a Ghost of Tsushima è che è piuttosto lungo e può diventare ripetitivo. Eppure il fatto è che il combattimento è fatto così bene che non ti interessa davvero se l’85a missione secondaria che stai facendo è andare in una fattoria e uccidere 12 Ronin perché il combattimento è così dannatamente divertente. Mi viene costantemente ricordato come Insomniac abbia dominato il combattimento di Spider-Man in quel gioco, facendoti sentire più simile a quell’eroe che mai. Sucker Punch ha fatto lo stesso qui, ma con un samurai. Questo è esattamente come volevo che si sentisse il mio samurai sopraffatto e iper-abile, un vortice di morte e distruzione, piuttosto che qualcuno che cerca costantemente di evitare di ottenere un colpo in giochi più difficili. In quanto tale, Ghost of Tsushima può sembrare un po facile rispetto ai rivali, ma la sensazione di potere vale lo scambio, se me lo chiedi. Infine, un terzo pilastro del gioco è una storia incredibilmente ben scritta e di forte impatto emotivo. Il viaggio di Jin è affascinante, dato che non stiamo percorrendo la solita strada del “gli eroi dovrebbero uccidere?”, ma piuttosto la storia parla dell’onore e di un conflitto costante tra Jin e suo zio sulle tattiche che dovrebbero usare per combattere i mongoli. Suo zio sembra credere che affrontare il nemico a testa alta sia una mossa onorevole, anche se perdi l’isola e la sua gente viene massacrata. Jin scopre di essere disposto a scendere a compromessi se significa salvare vite, sacrificare il suo buon nome pugnalando i nemici alle spalle o avvelenando i loro eserciti se necessario. Ma non è solo la storia di Jin ad essere avvincente. Abbiamo una serie di lunghe missioni secondarie che sono affascinanti, principalmente basate su Jin e sui suoi alleati. Il più straziante che ho visto (piccolo spoiler) è un monaco guerriero che inizia il suo viaggio dicendo che non vuole mai brandire la sua arma in odio. E quando la sua storia finisce, sta bruciando vivi i mongoli e non ci resta che chiederci cosa abbia fatto all’uomo la nostra influenza omicida. Anche le storie minori sono memorabili. Ho trovato una missione secondaria in cui un gruppo di cittadini si comportava in modo molto strano e ha detto che non volevano la mia protezione. Alla fine ho scoperto che avevano ceduto tutte le loro donne ai mongoli in cambio della sicurezza degli uomini codardi. Ho salvato le donne, che hanno deciso di lasciare il villaggio e vivere da sole, e ho giustiziato il capo della città come esempio per gli altri. L’intera missione ero io, probabilmente, uccidendo solo otto cattivi, eppure mi ha colpito duramente. Ci sono almeno una dozzina di altre missioni che potrei dire che hanno prodotto reazioni simili, comprese molte che mi hanno quasi commosso fino a piangere in cui non entrerò nel dettaglio per non rovinarvi l’esperienza. Come ho detto prima, penso che Ghost of Tsushima vada avanti un po’ troppo a lungo. La terza sezione della mappa in particolare sembra eccessiva, ed è così sterile che devi chiederti se fosse una specie di ripensamento, e non sono sicuro che debba esistere affatto, poiché fa sembrare il gioco come se alla fine esaurisse le energie (anche se le conclusioni delle varie trame che si verificano lì sono tutte buone). Avrei solo tagliato un po’ la parte superiore di questo gioco, similmente a quel che ho detto su The Last of Us. Penso davvero che molte partite di 30 ore debbano essere più simili a 20-25, poiché è come guardare un programma televisivo che ami, eppure ti stanchi quando ti rendi conto che ha una stagione di 35 episodi. Detto questo, non potrei mai dire di non volerlo rigiocare, magari in un DLC (un po’ improbabile in quest’epoca) o quasi sicuramente in un sequel, visto il successo del gioco. Dai trailer, abbiamo sempre saputo che Ghost of Tsushima sarebbe stato un bel gioco. Ma non mi aspettavo un sistema di combattimento così coinvolgente e divertente, o una storia così avvincente ed emozionante. È facilmente uno dei migliori giochi dell’intera generazione di PS4 e, data la sua concorrenza, questo dice qualcosa.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.